Il ph del sapone

Cos’è il pH?

Il pH indica la concentrazione di ioni idrogeno presenti nella composizione chimica di una sostanza, in altre parole, ne misura l’acidità. A seconda del valore di pH distinguiamo sostanze acide, neutre o basiche (alcaline).
La scala di pH si estende dal valore 0, cui corrisponde la massima acidità, al valore 14, cui corrisponde la massima basicità. Il pH 7 è neutro. L’acqua ha pH 7, neutro. I saponi tradizionali hanno un valore superiore a 7, sono quindi alcalini, mentre la nostra pelle ha un pH acido, con un valore intorno al 5.5

La pelle e il pH

La nostra pelle è leggermente acida, con un pH pari in media a 5,5 ( è più acido nelle zone intime). L’acidità della pelle ha diverse funzioni: mantiene la durezza della cheratina; inibisce la crescita di funghi e di batteri patogeni; contrasta i processi di ossidazione.
Lavarsi col sapone (pH in soluzione acquosa normalmente tra 8 e 10, abbastanza basico) non crea nessun tipo di problema, è un prodotto a risciacquo e la pelle reintegra facilmente il giusto grado di acidità. Più delicata è la questione dei prodotti che restano sulla pelle (creme per esempio), è importante che rispettino il giusto equilibrio.

Quale deve essere il pH del sapone?

Il sapone è per natura un composto alcalino, e contrariamente a quanto certi saponi industriali fanno pensare, non è possibile ottenere un sapone con un pH “neutro”.
Se si aggiungessero regolatori del pH (acidi, in questo caso) per abbassare l’alcalinita’ del sapone, la reazione che fa nascere il sapone-sale non avverrebbe!

Esistono saponi naturali a pH neutro?

No, tutti i saponi solidi con un pH inferiore a 8 sono detersivi sintetici (i cosidetti saponi-non-saponi appunto), ottenuti dalla combinazione di tensioattivi, agenti schiumogeni e regolatori del Ph.

Come si misura il pH?

Per chi fa il sapone in casa e vuole controllare la buona riuscita delle proprie ricette è possibile utilizzare le cartine tornasole con scale di lettura a segmenti colorati.
Per utilizzarle bisogna far schiumare il sapone e appoggiare la cartina sulla superficie inumidita, la misurazione del pH è data dal colore ottenuto. Questo “test” è molto importante, perchè un sapone troppo basico potrebbe irritare la pelle (è facile accorgersi se qualcosa non va anche senza le cartine.. se quando vi sciaquate le mani la pelle rimane rugosa o la sentite pungere è il caso di verificare la ricetta!!).

8 commenti
Scritto da
Luigi

8 Commenti

  1. elisabetta caroli says:24 gennaio 2012 at 22:23

    grazie , molto interessante io cerco saponi con ph inferiore al 5 e non riesco a trovarne , mi sono convinta che un ph acido contribuisca ad evitare infezioni , micosi e altri problemi dermatologici.

    Rispondi
    • Lucia says:5 febbraio 2012 at 15:47

      Ciao Elisabetta, in effetti non puoi trovare saponi con ph inferiore al 5, i saponi veri e proprio in quanto tali hanno un ph alcalino, per cui non possono essere sotto 5, mentre i detergenti liquidi normalmente sono a ph di 5.5, cioè il ph fisiologico.
      Di solito puoi trovare i detergenti intimi a ph inferiore a 5 (in genere 4,5)
      Però non te li consiglierei per la protezione da infezioni e micosi…molti batteri e funghi vivono bene a ph attorno a 4-5 mentre appunto a ph più elevati, come quello del sapone vengono eliminati

      Ciao e grazie

      Rispondi
  2. fauzia calvaresi says:25 gennaio 2012 at 07:33

    Grazie, effettivamente riguardo al ph c’é grande confusione, in particolar modo nei prodotti che riguardano i bambini: una giungla cosmetica! Mentre i veri prodotti buoni per la nostra pelle sono quelli più semplici.

    Rispondi
    • Lucia says:5 febbraio 2012 at 15:49

      Hai proprio ragione!!!
      E’ sempre la nostra filosofia, più sono semplici i prodotti e meglio è per la nostra pelle…(così come anche per l’alimentazione)

      Ciao ciao

      Rispondi
  3. Lalla says:10 febbraio 2012 at 13:29

    Ciao, vi leggo sempre con molto interesse ed imparo tutti i giorni cose nuove.
    Buon lavoro e complimenti per tutto
    Lalla

    Rispondi
  4. ana paula says:3 dicembre 2012 at 15:48

    non è vero che i detergenti a ph neutro irritano la pelle io uso uno che ha ph neutro e mi trovo benissimo ;.) e lavo pure i capelli che da quando lo uso sono piu’ morbidi e lucidi
    . solo le parti intime con uno a ph acido 4,5

    Rispondi
  5. ana paula says:3 dicembre 2012 at 15:53

    non è vero per le parti intime piu’ il ph è basso e quidi acido e piu’ va bene percio’ 3,5 4 o 4,5 va benissimo :-)

    Rispondi
  6. Luigi says:7 dicembre 2012 at 13:14

    Grazie del suo commento!
    Non è proprio perfettamente corretto dire che più è basso e meglio è perchè a ph sotto i 3.5 il rischio è quello dell’ustione! Per cui si può dire che per un detergente intimo il ph ideale è 4,5!!

    Rispondi

Lascia un commento